Get a site

Tag Archive: opinionismo


Vita di campagna

Io questa volta ci ho provato a dirlo, ho perfino strillato: della campagna non me ne frega niente, nienteeee, nienteeeeeee!
Invece me la sono percorsa tutta, da nord a sud e da est a ovest.
Mi sono sentito dibbbattiti e interviste, mi sono letto articolesse e analisissime, mi sono beccato concioni perche’ vivo in un paese dove il mio leader (sic!) vuole controllare la politica italiana mentre adesso ricevo richieste di subaffitto del divanoletto.
A me la campagna e’ sempre piaciuta ma viverci e’ faticoso.
View Full Article »

bisioHo visto l’intervento di Bisio a sanremo, tramite il tubo dei videi. Sono rimasto scosso, molto scosso, profondamente scosso, praticamente devastato.
Quei 13 minuti di video andrebbero mostrati a scuola, in tutte le scuole europee (gli americani si fottano)
Ma non e’ per questioni didattiche che sono rimasto distrutt dal video.
Quell’intervento mi ha ricordato l’egualmente devastante, ultimo anno della mia permanenza in suolo italico. Mi ha ricordato l’anno in cui io con altri disperati avevamo deciso di cambiare il mondo…poveri pirla.
Ah si’ e mi ha ricordato anche che da qualche parte avevo conservato un ritaglio di giornale.
View Full Article »

Esperimento genetico

scheda

Ho sperato fino all’ultimo in un ritardo, in un disguido consolare, in un incidente postale. Invece niente e con sospetta puntualita’ sono arrivate le schede elettorali, le ostie di cellulosa per celebrare la messa democratica.
Le ho annusate (hanno sempre un buon odore) e poi le ho aperte e stese sul tavolo come faccio sempre. A destra quella per la camera a sinistra quella per il senato. Poi ho chiuso gli occhi.
E adesso? E adesso che faccio ? Ma soprattutto io che c’entro?
Si’ ho gia’ fatto l’esperimento di tirarmi fuori dalla cosultazione elettorale, piu’ truccata della roulette di una bisca clandestina. L’ho fatto usando lo slogan “non faccio piu’ parte della societa’ italiana”, ma poi sono stato scottato da anni di sbertucciamenti quotidiani da parte dei tedeschi e solo il servo dei banchieri mi ha ridato dignita’.
Quindi? Quindi boh…a questo giro votero’ alla tedesca e so che non ne usciro’ indenne.
View Full Article »

Forse perche’ ci sono nato in italia, forse perche’ italiano un po’ lo sono rimasto, ma da lontano e’ evidente quale sia la nevrosi italiana, quale sia il conflitto fra complesso di superiorita’ e quello di inferiorita’. Eppure anche gli italiani tentennano quando si parla del
loro complesso di inferiorita’ e precipitano nel vittimismo prendendo la scivolosa china del mugugno: siamo ultimi in europa in questo, siamo fra gli ultimi nel mondo in quello, non riusciamo a fare questo, non riusciamo a fare quello.
Tutto questo borbottio maschera la vera ragione del complesso di inferiorita’, le cui radici si trovano nell’album di famiglia.
View Full Article »

C’e’ un attimo di tregua nel freddo conflitto europeo, combattuto con lanci di stereotipi e sparando proiettili a frammentazione di cazzate.
Finita la cerimonia religiosa estiva dove si e’ adorato il Dio Baal(one), finito (o sospeso) il bollettino di guerra dello spread, finiti (o diminuiti) gli scambi di stronzate anti-tedesche da una parte e sfotto-italiane dall’altra che hanno riempito i blog, ho un attimo di respiro per valutare la situazione e sviluppare un’ideuzza che mi frulla nella cabeza da un po’ di tempo.
Aver assistito alla catarsi italo-tedesca e’ stato illuminante e la
domanda che mi pongo da anni e’: come mai questa ruggine particolare fra tedeschi e italiani, come una vecchia coppia che bisticcia su quanto sale mettere nella minestra?
La mia parziale risposta e’ che sia tedeschi che italiani condividono la stessa psicopatologia, la stessa forma di nevrosi.
View Full Article »

L’amore al tempo della crisi

Capita a un sacco di coppie di andare in crisi, e’ fisiologico.crisi
Magari si sta insieme per molto tempo, si fanno figli, si fanno le vacanze (una volta al mare e una in montagna), ci si accapiglia con moderazione, si fa la pace, si tromba, si guarda la televisione, si falcia il prato. Una normale vita borghese e benestante. Poi la crisi.
Di solito la crisi di coppia si affaccia per motivi economici e allora inizia il regolamento di conti. Saltano fuori antichi rancori, a volte antichissimi. Vecchi tradimenti vengono rinfacciati e ferite che si pensavano rimarginate ricominciano a sanguinare. Ci si rinfacciano i difetti reciproci e ci si accusa a vicenda di aver voluto la crisi.
Solitamente quelli che pagano di piu’ per questa brutta situazione sono i figli, che nel tentativo (sempre destinato a fallire) di far riappacificare i genitori si beccano le sberle.
Questo e’ quello che sta succedendo a Germania e Italia e io me ne sto
in un cantuccio sperando che passi presto la buriana.
View Full Article »

Gener Azioni

G8In altra sede, in altro luogo e tempo un interlocutore (che ogni tanto si affaccia in questo spazio e spero non me ne voglia se lo cito) commentando la sentenza dei fatti di genova diceva cose peculiari.
Si commentavano le condanne durissime ai giovani danneggiatori di negozi e bancomat a confronto con le condanne lievissime inflitte ai torturatori della Diaz e di Bolzaneto.
Tra le tante cose peculiari l’interlocutore diceva piu’ o meno “hanno represso la nostra protesta con durezza perche’ costituivamo un pericolo per il potere. Non ci siamo macchiati di gravi delitti come le generazioni precedenti, abbiamo la coscienza pulita, non abbiamo nulla di cui vergognarci o da rinnegare”.
Sono rimasto stupefatto. I giovinastri, di genova e non, si sentono gli sfigati della storia, quelli che ci hanno provato e hanno fallito.
Guardano le generazioni precedenti (la mia?!) e vedono omogeneita’, un progetto, vedono anche un sacco di cazzate e se ne distaccano. Hanno problemi di visione: la generazione che mi ha preceduto ha fatto il ’68 e verra’ ricordata per grandi errori e grandi conquiste, la mia generazione e’ stata ininfluente e non verra’ ricordata. Invece questa generazione giovinastra verra’ ricordata eccome, verra’ ricordata per essere quella che aveva da fare, poteva fare e non ha fatto un cazzo.
View Full Article »

Infezione batterica

batteriEra un po’ che non stava bene. Il colorito pallido non destava preoccupazione, e’ sempre stata una bionda slavata, ma quegli accessi febbrili non lasciavano tranquilli, indicavano che qualcosa non andava.
Oddio,dopo il tumorone che l’aveva praticamente ridotta ad un cumulo di macerie si era ripresa bene, era persino ingrassata, ma poi…i primi acciacchi, quella febbriciattola che ogni tanto la costringeva a letto, quei colpi di tosse che periodicamente la squassavano…
Lei prendeva un po’ di antibiotici e sembrava che fosse tutto passato. Sembrava. Fino a venerdi’ scorso.

Venerdi’ si e’ sciolta la prognosi e ormai non lo si puo’ piu’ nascondere: la Germania e’ malata.
View Full Article »

Neve tafazza

Mi sono sempre chiesto perche’ tafazzi avesse la calzamaglia…pensavo tafazzifosse una citazione teatrale, invece no, tafazzi ha la calzamaglia per ripararsi dal freddo, anche se le magre gambette scoperte lasciano perplessi.
In anticipo di anni, il tafazzi si e’ preparato per l’ondata di gelo che ha investito l’italia e ora puo’ bottigliarsi l’inguine felice.
View Full Article »

Schettinare

schettinareNe ho sproloquiato parecchio in questo spazio, fino alla nausea.
Ne ho sviscerato ogni elemento e analizzato ogni meccanismo…o almeno cosi’ credevo. Credevo di averne viste e sentite tutte e invece no,
quando credevo di aver fatto luce sull’argomento se ne esce bel bello un filosofo pennaiolo e fa un articolesso su quella cosa che e’ la croce e il salvagente di ogni emigrante: lo stereotipo.
Nelle mie elucubrazione l’ho detto in tutte le maniere possibili: l’emigrante vive di apparenze, la sua identita’ ormai forgiata e magari solidissima e’ rivestita della pesante cappa dell’immagine del proprio paese, l’immagine corrente. La cappa viene cambiata a seconda della moda, a seconda che il proprio paese venga visto come vincitore o come uno sfigato perdente.
La cappa italiana, in questi ultimi anni sembra piu’ quella del mago otelma.
View Full Article »

Powered by WordPress. Theme: Motion by 85ideas. .