Anche quest'anno, puntuale come il Finanzamt e le cazzate dei ministri italiani si e' svolta l'oktoberfest.
Anche quest'anno puntualissimamente in ritardo mando il rapporto sul lato oscuro dell'Oktoberfest, l'elenco delle malefatte che ivi sono state commesse.

Come l'altr'anno anche stavolta la personcina ammodo ha avuto un contatto ravvicinato con gli italiani oktoberfersanti e non e' stata una bella cosa. La muta di ubriaconi mediterranei ha avuto la discutibile idea di salire in metro' e piazzarsi a fianco della leggiadra, cosa gia' di per se' esecrabile, ma ad una cattiva idea ne hanno aggiunta una pessima, quella di mettersi ad urlare a squarciagola nel timpano della mia accompagnatrice. A quel punto, complice la malagrazia (o l'astuzia) dell'autista metropolitano, un italico urlante e' atterrato addosso alla personcina ammodo, la quale per un riflesso condizionato si e' messa ad esplorare gli spazi intercostali del malcapitato usando un gomito puntuto. Il giovane alcolista non si e' accorto dell'ispezione, ma una volta a casa si sara' chiesto la provenienza di quel curioso ematoma toracico.
Questa era la nota di colore personale, veniamo a cose piu' concrete.

Dal sito della polizia si viene a sapere che nell'edizione 2011 dell'Oktoberfest ci sono stati 2175 interventi delle forze dell'ordine e apprendiamo che siamo nella media (2010: 2253, 2009: 2186).
Il numero degli interventi all'interno dei tendoni e' calato del 17,6% infatti la polizia e' intervenuta 520 volte (2010: 631).
Le forze dell'ordine, nell'edizione del 2011 hanno ingabbiato 487 personaggi ed e' un vistoso calo (2010:509; 2009: 755) anche se il numero di reati denunciati e' salito (1422) rispetto all'anno scorso (1279) anche se rimane inferiore all'annata 2009 (1484). Purtroppo il numero delle "ferite alle persone" (come si dice in italiano?!) e' passato da 313 casi  a 379, e di questi 58 erano i cosiddetti Maßkrugschlägereien, le risse a colpi di boccale (2010: 62). La novita' delle mazzate date col bicchiere e' che in questa edizione il numero delle signorine incazzate e' salito da 2 a 6. Sara' l'effetto della crisi.
Non sono mancati casi di atti di violenza ai danni dei poliziotti, atti passati da 19 a 14, mentre le aggressioni ad avventori e a scopo di furto sono salite a 13 (2010: 9).
La crisi ha avuto brutti effetti sulla libido maschile, infatti i reati a sfondo sessuale si sono ridotti del 26%, ma la novita' bella e' che quest'anno non ci sono stati episodi (denunciati ovviamente) di violenza carnale all'interno dell'area dell'oktoberfest, invece gli episodi di violenza sessuale collegati all'alcolismo sono stati 5, uno in piu' rispetto al 2010.
La crisi ha influenzato anche l'area del furto con destrezza, dove i casi sono aumentati del 26,9%, passando da 363 a 497.
Tra i delitti "speciali" vediamo un aumento di quelli legati al consumo di droghe, mentre in questa edizione c'e' stato uno scatafascio (25) di giovinastri (minorenni) beccati ad ubriacarsi nell'area della festa e riconsegnati ai genitori. Purtroppo non e' dato sapere se il vario gioviname ha lasciato l'area della festa dopo una bella lucidatura dei manganelli polizieschi utilizzando il cranio.
Si e' confermato efficace l'utilizzo delle numerose videocamere nascoste, che hanno permesso di beccare la maggior parte dei malandrini e anche di evitare alcuni episodi di furto e violenza sessuale.

Dopo i freddi numeri veniamo al dettaglio di alcuni casi gustosi.

Italiana morde poliziotto dopo litigio per un taxi
Il 17.09.2011 alle ore 16.30 venivasi a trovare una 37enne italiana in conflitto con una coetanea monachese a causa di un taxi.
Entrambe le donne salivano contemporaneamente sullo stesso taxi, ma l'esuberante italiana immediatamente scendeva, faceva il giro della vettura e apriva la portiera dal lato della monachese al fine di trascinarla fuori dal taxi per i capelli.
Intervenuta prontamente la polizia, l'italiana si difendeva con veemenza con sputi e alla fine mordeva ad un avambraccio un poliziotto.
La donna veniva prontamente ingabbiata per lesioni personali e veniva effettuato un prelievo di sangue per accertarne il (sicuramente elevato) tasso alcolico.

Turista ubriaca precipita dal tetto di un chiosco
Domenica 18.09.2011 alle ore 23.30, una australiana 23enne, dal biergarten di un tendone, si arrampicava sul tetto di diversi chioschi saltando dall'uno all'altro.
Da uno dei suddetti chioschi la giovane cercava di tornare a terra, ma fallando la presa si schiantava al suolo da un'altezza di circa tre metri, riportando la frattura di una gamba e una commozione cerebrale.
La giovane australe veniva portata in ospedale dopo intervento della guardia medica.

Due italiani arrestati per aver eseguito il cosiddetto „Hitler-Gruß“
Due turisti italiani di 27 e 28 anni venivano fermati dal servizio di sicurezza il 18.09.2011 alle ore 19.00.
I due, all'interno del tendone, stendevano il braccio e urlavano "Heil Hitler", atti che sono vietati dalla costituzione tedesca e possono costare fino a tre anni di reclusione.
I due venivano consegnati ad una pattuglia di polizia, la quale li arrestava e dopo aver preso opportune misure li rilasciava.

Cavallo di una birreria sale su un piede di una turista
Venerdi 23.09.2011 alle 14.00 trovavasi sulla Matthias-Pschorr-Straße una carrozza.
Una 19enne di Starnberg amante degli animali accarezzava uno dei cavalli trainanti la carrozza, il quale con un movimento inaspettato si posizionava sul piede della giovane turista. Questa riportava una contusione e veniva trattata in ospedale.

Foto particolari
Sabato 24.09.2011 alle ore 18.15 due donne di 49 e 57 anni intrattenevano la folla maschile che transitava sulla collinetta a ridosso della Anlieferstraße.
Entrambe le donne sollevavano ripetutamente le gonne e offrivano le loro grazie non piu' nascoste agli sguardi del pubblico maschile. Numerosi uomini documentavano l'evento utilizzando le loro fotocamere.
Le due donne venivano denunciate per turbamento della quiete pubblica.

Investigatore belga in borghese non si lascia infinocchiare
Domenica 25.09.2011 alle ore 18.45 un monachese di 24 tentava di trarre vantaggio dello stato generale di ebbrezza.
Un agente belga in borghese rilevava infatti un movimento sospetto nel retro di un tendone, intravvedendo come il giovane monachese sventolava sotto il naso ad avventori una banconota da 50Euro per poi infilarsela in tasca.
Fingendosi un ebbro passante il belga approcciava il giovane venendo cosi' a conoscenza dell'atto truffaldino.
All'investigatore veniva infatti mostrata una mazzetta di banconote ucraine (100 Hrywma) millantando un valore di 100 Franchi svizzeri, chiedendo pero' all'incauto affarista una banconota da 50 Euro e prospettando cosi' un lauto guadagno. L'agente non si faceva infinocchiare e arrestava lo scambiatore.
La mazzetta ucraina aveva in realta' un valore di 9 Euro.

Sconosciuti distribuiscono adesivi dal contenuto razzista
Domenica 25.09.2011 alle ore 15.30 la polizia veniva avvisata che numerosi adesivi dal contenuto razzista venivano distribuiti all'interno di un tendone.
Giunti sul posto gli agenti rilevavano solamente la scomparsa dei distributori, potevano pero' notare la presenza di 20 adesivi sul pavimento. Uno di questi veniva trattenuto come prova mentre gli altri venivano smaltiti dal servizio di pulizia.

Ladra di popcorn ferisce poliziotto
Lunedi' 26.09.2011 alle ore 22.45 la polizia veniva invitata ad intervenire presso un chiosco di dolciumi.
Qui trovavasi una 25enne monachese colta nell'atto di rubare popcorn e trattenuta dal proprietario del chiosco. Non avendo la giovane alcun documento con se', veniva condotta dalla pattuglia alla locale stazione di polizia. Durante il tragitto e del tutto inaspettatamente, la ragazza scalciava all'indietro e nell'atto colpiva un poliziotto al basso ventre, il quale veniva leggermente ferito.
A questo punto la giovane ladra veniva immobilizzata e portata in guardina dove le veniva registrato un elevato tasso alcoolico.
La rea, dopo le opportune misure di polizia veniva rilasciata.

Donna ferisce poliziotti e tenta pateticamente il suicidio
Il giorno 27.09.2011 alle ore 18.00 una 23enne e il suo moroso avevano un dissidio di coppia all'interno di un tendone, dissidio degenerato nel passaggio alle vie di fatto.
Personale della sicurezza cercava di separare i fidanzati, quando la donna inaspettatamente volgeva la propria furia verso gli agenti.
Dopo aver insultato i membri della security a aver loro sputato addosso, la giovane donna elargiva ad un agente un doloroso calcio ai genitali mentre ad un altro, nonostante la divisa, con un morso strappava un pezzo di pelle del torace. Entrambi gli uomini venivano trattati nel locale pronto soccorso.
Una pattuglia della polizia prendeva quindi in consegna la furia, ma questa  dopo aver colpito un poliziotto al basso ventre con un calcio veniva immobilizzata al suolo dove pero' non cessava di insultare, sputare e graffiare.
Alla fine la donna minacciava il suicidio e metteva in proposito l'insano atto trattenendo il fiato. Veniva a questo punto inviata in una clinica.

Uomini sfidano le consuete norme igieniche
Il 27.09.2011 alle ore 19.45 la polizia, su richiesta di addetti alle pulizie, aprivano la porta di una toilette all'interno di un tendone. In questa si trovavano due giovanotti i quali avevano perdisposto sul bordo della tazza del WC alcune piste di cocaina pronte per il consumo. I due giovani venivano arrestati e condotti alla locale stazione di polizia dove venivano perquisiti recuperando modeste quantita' di amfetamine.

Studenti scalano le montagne russe
Sabato 01.10.2011 poco dopo le 2.00 ad alcuni agenti del servizio di sicurezza cadeva lo sguardo su due giovanotti che si trovavano sulla piu' alta piattaforma di un otto volante.
Appena i due 25enni monachesi arrivavano di nuovo a terra dichiaravano di aver voluto ammirare il panorama.
Oltre a questo i due dichiaravano di avere l'hobby di scalare grandi strutture, dato che durante il servizio militare avevano prestato la loro opera come alpinisti.
Dopo aver preso i dati, i due giovani ubriachi venivano espulsi dall'area della festa.

Agenti antiborseggio catturano smanaccione
Domenica 02.10.2011 alle ore 20.30, alcuni agenti antiborseggio osservavano come un 40enne infilava le mani nelle tasche dei pantaloni di un uomo addormentato su una panchina.
Allo stesso tempo il quarantenne teneva in mano il proprio telefono cellulare. Gli agenti apostrofavano l'uomo mentre questo non cessava di tenere la mano nella tasca anteriore dei pantaloni del 22enne addormentato.
Sul cellulare del 40enne venivano ritrovati diversi video che lo ritraevano protagonista mentre slacciava i  pantaloni di numerosi ubriachi addormentati e di cui approfittava sessualmente.
Il 22enne veniva svegliato e dichiarava di non essersi accorto di nulla.
Il 40enne invece, dopo il ritrovamento di 15 eloquenti video, veniva arrestato.

Bambino scocciato prende l'iniziativa
Sabato scorso un astuto ometto ha lasciato senza parole una pattuglia di polizia.
Il giorno 01.10.2011 alle ore 16.00 la madre di un bambino di sei anni approfittava, assieme alla nipotina, della bella giornata per visitare la "Oide Wiesn", la ricostruzione dell'antica Oktoberfest.
Appena finita la visita e distratta un attimo dalla nipotina, il bambino si dileguava, per la disperazione della 49enne casalinga.
Le ricerche partivano immediatamente, ma non davano alcun risultato.
Dopo un certo tempo la madre del bambino veniva contattata dalla polizia. Il bambino nel frattempo era giunto a casa: dopo aver concluso la visita alla oide wiesn si era recato alla stazione della S-bahn dove aveva preso il
treno che l'avrebbe condotto a Germering e da qui a piedi aveva raggiunto casa propria.



Come bonus vi allego il solito sito che ritrae le miserie umane dell'oktoberfest:

http://www.muenchenkotzt.de/