Ecco le 16 cose che fanno imbizzarrire i monacensi, come riportato
dal Muenchner Merkur. Ho fatto una libera traduzione e aggiunto i miei personalissimi commenti.
Cosa irrita i cittadini della citta’ dei monaci:

1. Prenotare sempre, prenotare tutto, specie il venerdi’ sera o il sabato sera. Non e’ possibile improvvisare una romantica cena fuori o una scappata al cinema o a teatro.

2. Ritardi dei mezzi, ritardi non annunciati oppure ritardi previsti quando cade una foglia in autunno o un fiocco di neve in inverno. Mezzi strapieni su alcune linee dell’ubahn e costantemente vuoti su altre. Cancellazioni di s-bahn, mancanza di informazioni.
[In generale la sensazione di collasso imminente e il balletto cretinissimo sul secondo tunnel]

3. Le minuscole aree grigliabili.
A Monaco e’ permesso tutto tranne quelle cose che sono vietate.
Uno si adatta a tutto, ma un’estensione delle aree permesse per grigliare non farebbe male. Non e’ che si puo’ grigliare solo al Flaucher o lungo certe rive dell’Isar.
[I vecchi si ricorderanno la mitica estate di quando hanno dovuto evacuare il Gasteig perche’ i fumi delle grigliate hanno fatto scattare i sistemi d’allarme.]

4. La cubizzazione di Monaco.
A Monaco si costruisce, spesso e volentieri. C’e’ fame di case e le immobiliari-squalo dominano la citta’. Ma perche’ le nuove costruzioni devono tutte avere la forma di orridi cubi o di serre?!
Senza contare il sistematico sradicamento di alberi…del resto ci sono gli Englischer Garten se uno vuole del verde no?!
[se c’e’ un architetto in ascolto dia pure una spiegazione convincente, sono aperto a tutto anche alle espiazioni pubbliche]

5. Nonostante l’introduzione del permesso per residenti, cercare parcheggio a Monaco e’ come cercare il Santo Graal.

6. Cercare casa. C’e’ da dire altro? Come se non bastasse la situazione immobiliare, ci sono anche le umiliazioni da ingoiare di fronte a makler cafoni o che vogliono soldi per farti solo vedere l’appartamento, padroni di casa che ti ridono in faccia se sei studente, immigrato, ragazza madre/ragazzo padre, o anche solo una persona con uno stipendio normale. Oltre al danno la beffa e gli edifici che vengono costruiti (vedi punto 4) sono case di lusso con inutile videosorveglianza e rifiniture da emiri.

7. Le due settimane dell’Oktoberfest. Ubriaconi da tutte le parti, mezzi intasati (come se ce ne fosse bisogno) cagate e pisciate ad ogni angolo e sporcizia per ogni dove. Molti monacensi se ne stanno tappati in casa in quelle due settimane o prendono ferie.
[Oktoberfest solo per residenti!]

8. La paesanita’ di Monaco si vede dall’orario di chiusura dei negozi.
Trovare un negozio aperto al di fuori degli orari e’ diventata disciplina olimpica.
[mi dissocio totalmente da questo punto. viva la chiusura serale! viva la chiusura festiva!]

9. Gli addii al celibato, sia maschili che femminili, sono diventati una piaga. La tradizione tutta americana e per niente monacense ha preso piede e ormai bisogna districarsi fra gruppi di giovani ubriachi che ti vogliono vendere puttanate.
[Ho iniziato a rispondere: gia’ fai la cazzata di sposarti e in piu’ vuoi dei soldi?! cammina vah.]

10. In primavera spuntano i Rambociclisti. Questi criminali su due ruote non percepiscono i pedoni che hanno vita difficile se osano attraversare o (PEGGIO) intralciare una pista ciclabile.
[Morite pedoniii! La pista ciclabile e’ nostraaa ahahhaha!]

11. I maledetti che in cima alle scale mobili stanno impalati a guardare i tabelloni incuranti della gente dietro di loro.
[La situazione puo’ essere pericolosa e mi e’ capitato piu’ volte di dare dei bei trussoni e di fronte alle lamentele: “aaah ma allora mi vede?! aaah ma allora si accorge di non essere l’unico ad viaggiare in ubahn!]

12. Niente baracchini notturni. Sia berlinesi che gente della ruhr ha a disposizione baracchini notturni. A monaco a parte i soliti noti, non ci sono chioschi aperti dopo certe ore.
[se dopo certe ore hai bisogno di chioschi per rifocillarti vuol dire che non hai capito un cazzo della citta’, non la conosci e meriti di morire di fame e di sete.]

13. Monaco ormai sembra la “Capitale del Cantiere”. Code dappertutto.
[Cioe’ volete case e infrastrutture ma non volete cantieri?! Morite automobilisti!]

14. L’aeroporto di Monaco e’ uno dei piu’ belli ed efficienti d’Europa e del mondo, ma il modo in cui ci si arriva e’ fra i piu’ provinciali.
Avete mai provato a spiegare ad un turista che deve stare attento a dove sale sulla S1, che viene separata ad una certa stazione?!

15. Appena si vede che il test di gravidanza e’ positivo bisogna SUBITO prenotare la Kinderkrippe. Particolarmente irritante il fatto che a fronte di una forte domanda di maestri/e d’asilo questi siano pagati una miseria.

16. Cari immigrati novelli, noi condividiamo con voi la nostra bella citta’ pero’ bitte-bitte-bitte si chiama “Mass” non “Maaaaß”.

e ora quattro mie aggiunte:

17. Cosa cazzo vi costa lasciare scendere la gente dai mezzi prima di salire?! Tanto e’ ovvio che non trovate posto a sedere.

18. Pelare completamente il weisswurst dovrebbe essere punito per legge.

19. Bere la weissbier dalla bottiglia dovrebbe portare a punizioni corporali.

20. Rompere i coglioni sempre, comunque, per tutto anche per le cose che funzionano bene e sono belle dovrebbe portare alla sospensione del trattato di Schengen: love it or leave it!