Get a site

 

IMG_20161115_224421[1]

“Non si muova Pilger, stia immobile qualche secondo, poi apra lentamente gli occhi”
“mfadfjklglk”
“Non tenti di parlare, faccia come le ho detto.”
“…”
“Ecco, ora provero’ a metterla in posizione seduta, aspetti ancora qualche minuto e poi puo’ provare a parlare”
“…”
“Come si sente?”
“bn…bene…quando siamo?”
“ahem…non si arrabbi ma…e’ il 18.11.2016″
“CRISTO!”
“Non faccia salire repentinamente la pressione, c’e’ una ragione per cui l’abbiamo svegliata cosi’ presto”
“Spero…che…sia…una…buona…ragione”
“Questo non sta a me dirlo, io le ho detto solo che c’e’ una ragione”
“Deve essere un’OTTIMA ragione…<coff coff> siamo 84 anni in anticipo, ho pagato fior di soldi per essere svegliato nel 2100!”
“Non si preoccupi in sala visite c’e’ una persona che la attende, una bella donna devo dire.
Io non conosco i dettagli, ma ha parlato di qualcosa di importante che giustifica il suo risveglio. Tipo un referendum”.
“Io la ammazzo!”
Fai un respirone e leggi il resto »

Il vagone dell’U3 e’ semivuoto, strano, a quest’ora c’e’ sempre parecchia gente che torna dall’olympia einkaufszentrum…boh…
Per una strana associazione di idee decido di cambiare posto, di mettermi in fondo con le spalle al senso di marcia. Nel caso di un arresto brusco del treno ci si fa meno male. Gia’ ma perche’ ci dovrebbe essere un arresto brusco?! Un deragliamento…un guasto…qualcosa.
Oh dio che pensieri…sara’ la stanchezza. Ora salgo in casa e anche se e’ venerdi’ mi faccio un solo giro di aperitivi, mangiucchio e vado a letto senza troppi convenevoli che domani e’ una giornata pesante, devo fare gli straordinari dell’arte marziale.
Entro nella magione e la Personcina Ammodo e’ li’ che spippoleggia con la tavolozza elettronica. Poggio la borsa, tiro due bei sospironi e lascio in liberta’ la mutanda, divisa ufficiale dell’inizio del weekend.
“Mio nipote e’ impazzito” esordisce la Personcina.
“Che ha fatto?”
“Mi ha mandato un messaggino chiedendomi come sto”
“Avra’ bisogno di qualcosa, oppure ha finalmente capito come si fa ad ereditare”
“ahah scemo…comunque si’ e’ strano, forse ha bevuto…no aspetta anche Francesca mi chiede se stiamo tutti bene…e’ successo qualcosa”.
Pianto li’ tutto e socchiudo la finestra internettica, solo uno spiraglio perche’ ho paura di venire travolto. E infatti la finestra si spalanca “terrorismo, attacco, morti, OEZ, mobilitazione,…”.
Il mio WE di tutta tranquillita’ e’ una delle povere vittime di questa follia.
Fai un respirone e leggi il resto »

Da quando calco le bavare terre ho visto crollare parecchi tabu’ tedeschi. Alcuni futili come l’esposizione di badierette germaniche sulle macchine o la pubblicazione di libri umoristici sul baffetto, altri piu’ seri come l’abbandono del marco, l’intervento militare tedesco all’estero o la sparizione delle tette dalla prima pagina della Bild.
La notte di capodanno e’ stato corroso senza che crollasse definitivamente un altro tabu’ tedesco, quello che impediva di dire ad un branco di pezzi di merda (in gergo tecnico “criminali”) nordafricani che sono un branco di pezzi di merda nordafricani.
Per voi, alla ricerca di dove vengono prodotti questi stronzi, mi immergo nei visceri di una citta’ a me sconosciuta, mi introduco nei suoi intestini, faccio una Coloniascopia appunto.
Fai un respirone e leggi il resto »

kotz

Migliaia di stranieri e di autoctoni si sono organizzati, si sono riuniti in un posto ben preciso, si sono ubriacati e hanno molestato sessualmente le donne.
No non sto parlando dei tristi fatti di Colonia, ma di una normale edizione dell’Oktoberfest.
In olimpico ritardo (o in crasso anticipo sul 2016) pubblico le favoline poliziesche sull’oktoberfest, edizione 2015.
Fai un respirone e leggi il resto »

Paurismo
Salve vi ricordate di me? Sono quello che una volta scriveva a raffica su Monaco, la Baviera, la Germania e la Galassia in genere. Sono anche quello che sosteneva che la maggior parte delle sfighe di questo pianeta sono una ciclopica presa per il culo. Ecco, ne sono ancora convinto e dopo i bagordi di capodanno e aver visto che la citta’ dei Monaci ha guadagnato le prime pagine dei giornali europei la mia certezza e’ solida: c’e’ un complotto mondiale fatto da ricchissimi pagliacci che realizza scherzi macabri a nostre spese. Speriamo che muoiano dal ridere.
Fai un respirone e leggi il resto »

“Chi ha qualcosa da dire si faccia avanti e taccia”

Karl Kraus

Mi ero ripromesso di scrivere qualcosa di Volkswagen appena si fossero calmate le acque, ma le acque non si calmano, anzi si stanno agitando sempre di piu’.
Il problema e’ che accanto al gorgo volkswagen si e’ formato quello di Deutsche Bank…no, col cazzo, non si e’ formato, c’e’ sempre dal 2008, ma l’ipnosi di massa ha impedito di vederlo.
Ma andiamo con ordine, prima Volkswagen (VW).
Fai un respirone e leggi il resto »

La papessaLa situazione stava gia’ cambiando, fin dal mondiale balonico tedesco si vedeva qualcosa di strano, poi e’ precipitata con la questione greca e solo pochi giorni fa si e’ ribaltata, in modo inaspettato.
La Germania e il suo popolo hanno sempre suscitato sentimenti forti e quasi mai indifferenza. Tali passioni non si spiegano vista la quasi totale mancanza di comprensione per questo paese…o forse la mancanza di interesse deriva proprio dalle passioni.

Quante volte ho detto certe cose? Infinite, ma ultimamente sto ricevendo le pezze d’appoggio per giustificare i miei sproloqui.
Fino a quest’estate tutti, ma proprio tutti quelli che sanno a malapena indicare la Germania sulla cartina erano convinti dei propri stereotipi: Germania prevaricatrice, soffocatrice dei Greci, intransigente, rigida, inflessibile e, ovviamentissimo, con il vizietto passato che proprio non passa.
Inutile ragionare, distinguere fra governo e popolazione, fra paese e peones, fra media beceri e bugiardi e giornali seri. Inutile mostrare che c’e’ una guerra, ma fra poveri, mica fra paesi. Tutto inutile: o sei di qua (fra i buoni) o sei di la’ (fra i cattivi). Io ovviamente, solo per questioni di residenza sono sempre e comunque fra i cattivi.
Poi il ribaltone.
Fai un respirone e leggi il resto »

Fin dai tempi di Ludovico I Monaco si vanta di essere “la citta’ italiana piu’ a settentrione” e non a torto: architettura, composizione sociale, tendenza al godimento, effettiva vicinanza al bel paese fanno sentire i monacensi piu’ vicini all’italia che alla prussia.
Da lunedi’ hanno un motivo in piu’ per sentirsi uniti alle sorti del paese degli ulivi e dei cachi.
Fai un respirone e leggi il resto »

E’ vero sto scrivendo poco, non perche’ non abbia piu’ niente da dire, ma perche’ la vita si sta accorciando e le robe da fare prima di entrare nel sacello stanno aumentando.
Tra le tante cose di cui non scrivo, in particolare non scrivo della storia greca.
Il perche’ e’ ancora piu’ chiaro: ho gia’ scritto tutto il possibile, almeno dal lato tedesco.
Pero’ questa cosa la scrivo perche’ non so come si dice una cosa in italiano, cioe’ nemmeno in tedesco, non so proprio come esprimere il concetto.
Quando a scacchi si fa una patta, entrambi vincono, vuol dire che sono di forza eguale e si sono bilanciati, ci si stringe la mano ed entrambi sono, magari non contenti, ma almeno non abbattuti.
Ecco come si chiama quando invece tutti perdono?!
Fai un respirone e leggi il resto »

Powered by WordPress. Theme: Motion by 85ideas. .